Non era bastato l’omicidio di Anna Rosa Tarantino del 30 dicembre, né il ferimento di Giuseppe Antuofermo e di un altro minore il 23 febbraio. A Bitonto la violenta faida tra il gruppo criminale Conte e i Cipriano, ha colpito anche il 14 marzo con un’altra sparatoria. Il raid composto da Domenico Conte e Danilo Gentile, suo gregario, era mirato a eliminare un esponente del sodalizio rivale, in risposta al ferimento di Antuofermo. I killer si posizionarono sul tetto di una abitazione di Porta Robustina ed esplodevano 5 colpi, mancando il bersaglio, ma attingendo per errore una estetista che si trovava a passare di lì per caso. I due responsabili, su richiesta della DDA e grazie alle indagini dei Carabinieri, sono stati raggiunti dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere e ritenuti responsabili, a vario titolo, di lesioni personali aggravate, detenzione e porto abusivo illegale di armi, spari in luogo pubblico, reati commessi in concorso tra loro, con l’aggravante di aver agito per favorire il sodalizio mafioso di appartenenza.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.