Era stata pestata con calci, pugni, schiaffi e cinghiate su ogni parte del corpo e trascinata per capelli nella baracca nella quale veniva segregata, assieme ad altre due compagne.

La ragazza minorenne, al 7 mese di gravidanza, riesce a scappare nella notte del 3 settembre scorso dal campo rom di via San Severo a Foggia e, chiedendo aiuto ad alcuni italiani della zona, si mette in contatto con il 118 e la Polizia.

Parte da qui, da una denuncia coraggiosa, l’indagine della Squadra Mobile di Foggia, sotto il coordinamento della Procura di Bari della DDA e del Tribunale per i Minorenni, che ha consentito di accertare l’esistenza di uno schema messo a punto da sei persone: un 47enne, la compagna 46enne, tre figli, un 27enne e due minorenni, e una 26enne compagna del più grande, tutti di origine rumena e domiciliati nello stesso campo rom.

Le tre minori tra i 16 e i 17 anni tenute lì da marzo a settembre, erano appartenenti a nuclei rom disagiati e una volta condotte lì, con l’inganno, venivano chiuse dall’esterno con una catena e un lucchetto, picchiate continuativamente per piegare le loro capacità di reazione e costrette a prostituirsi sotto il diretto controllo dei loro aguzzini.

Il padre – in supremazia nel gruppo criminale – e i figli conducevano le ragazze fino alla Strada Statale che conduce a Lucera, restando lì a controllarle con continui passaggi in auto o nascondendosi dietro i cespugli. Mentre la ragazza 26enne, compagna di uno degli aguzzini, non solo non è mai intervenuta durante i maltrattamenti, ma si assicurava della loro attività di prostituzione e aveva proposto agli altri fermati di vendere il nascituro di una delle ragazze a 28mila euro.

Alla compagna 46enne dell’uomo, invece, finivano la metà dei proventi perché si garantiva di procurare i preservativi e di presentarsi come “zia” delle ragazze durante i controlli delle Forze dell’Ordine, così da ottenerne il loro affidamento.

Il caso di oggi costituisce una delle prime e più importanti operazioni in materia di riduzione e mantenimento in stato di schiavitù, sequestro di persona, ai danni di minori sole e senza contatto con le famiglie. Questo segnerà l’inizio di una serie di attività finalizzato al contrasto di un fenomeno tragicamente allarmante.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.