Chiodi a tre punte sulla strada, auto di grossa cilindrata per scappare via e un mezzo pesante per bloccare il tir da rapinare.

È lo scenario che si è consumato questa mattina sulla Strada Statale 379 che collega Bari a Brindisi dove, all’altezza di Torre Canne Sud, un commando ha preso di mira un camion che trasportava sigarette.

Hanno rotto il finestrino del conducente con una mazza e minacciandolo armi in pugno, si sono messi alla guida del mezzo pesante, l’hanno condotto verso la complanare, in località Lido Morelli, e lo hanno saccheggiato, rubando una dozzina di bancali per un perso di 7 tonnellate di sigarette.

Stando ad una prima ricostruzione dei Carabinieri giunti sul posto, i banditi sono fuggiti sulle auto con cui erano arrivati; una parte della refurtiva è stata abbandonata sull’asfalto. L’autista del tir, invece, è stato ferito ad un braccio a causa delle schegge di vetro ed è stato condotto all’ospedale di Ostuni per le cure mediche.

Questo, da inizio anno, è già il terzo assalto e gli autotrasportatori sono veramente stanchi di rischiare la vita ogni giorno e venerdì a Bari ci sarà un vertice in prefettura per discutere e provare a mettere in campo delle possibili soluzioni.

I sindacalisti chiedono droni per sorvegliare il percorso dall’alto, pattuglie miste di forze dell’ordine e militari per presidiare le principali strade e autostrade, oltre che minori quantitativi di denaro da trasportare per ogni viaggio.

Ma ciò a cui si punta è un coinvolgimento dei Ministri dell’Interno e della Difesa per un tavolo nazionale al fine di programmare misure straordinarie, sulla memoria dell’Operazione Primavera che, nel 2000, spazzò via il contrabbando dalle strade pugliesi.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.