xylella

Il mondo dell’olivicoltura vive scenari apocalittici, gli agricoltori sono stati messi in ginocchio dalle gelate dello scorso anno e dalla xylella che avanza sempre più prepotente. Davanti ad una catastrofe di dimensioni epocali, sia per la produzione che in termini strettamente economici, “è incomprensibile – hanno scritto in una lettera il governatore Michele Emiliano e l’assessore regionale Leonardo Di Gioia – che il Governo sia prudente, lento a prendere decisioni e soprattutto lesini sulle risorse”.

“Non si è mai esitato, in passato, ad intervenire in situazioni altrettanto drammatiche o per salvare banche con veri e propri blitz legislativi. Pretendiamo la stessa attenzione e la pretendiamo ora. Siamo pronti ad intraprendere ogni azione di disobbedienza civile necessaria, fino a quanto non verrà varato il piano straordinario che la Puglia attende e merita. Non permetteremo che il paesaggio, l’economia, l’ambiente, la storia stessa della Puglia venga sacrificata sull’altare dell’indifferenza nazionale”. Nella missiva si legge che occorre un piano straordinario e specifico che stanzi, nei prossimi cinque anni, non meno di 500 milioni di euro, oltre quelli già previsti dal Psr o da altre misure emergenziali. I rappresentanti politici regionali hanno inoltre stilato una lunga lista di richieste, norme, sostegni e agevolazioni per gli espianti e reimpianti degli alberi malati, per le applicazioni fitosanitarie e per la commercializzazione dei prodotti vivaistici. Chissà se questa lettera, ora, resterà solo un altro foglio sulla scrivania del Ministro Centinaio che ancora aspettiamo in Puglia.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.