Lecce e Foggia, sprint finale alle porte - TELEREGIONE
Connetti con il social

SERIE B

Lecce e Foggia, sprint finale alle porte

Margini di errore ridotti al minimo, gli obiettivi sono lì a portata di mano ma per raggiungerli saranno vietati i passi falsi. Le strade di Lecce e Foggia verso la serie A e verso la permanenza sono costellate di tante insidie ma le due pugliesi hanno le armi giuste per affrontarle e superarle sin dal prossimo turno in programma lunedì prossimo.

Margini di errore ridotti al minimo, gli obiettivi sono lì a portata di mano ma per raggiungerli saranno vietati i passi falsi. Le strade di Lecce e Foggia verso la serie A e verso la permanenza sono costellate di tante insidie ma le due pugliesi hanno le armi giuste per affrontarle e superarle sin dal prossimo turno in programma lunedì prossimo.

Dopo il k.o. di Cremona, il Lecce ha mostrato contro il Carpi tutte le sue qualità andandosi a prendere una gara che a dispetto della differenza abissale di classifica si è dimostrata spigolosa. Dopo un primo tempo grigio, chiuso sullo 0-0 e con gli emiliani molto pericolosi, i giallorossi hanno cambiato letteralmente marcia scatenandosi e mettendo a segno 4 gol anche senza il proprio bomber principe Andrea La Mantia. Nel tabellino dei marcatori ha inserito il suo nome per la prima volta in questa stagione anche Andrea Tumminello. Il giovane attaccante scuola Roma si è finalmente sbloccato e potrà rappresentare l’arma in più per il finale di stagione già a partire dalla gara di Perugia.  In Umbria il Lecce si presenterà da secondo in classifica, con il ritorno di La Mantia e senza lo squalificato Lucioni. L’ingenua espulsione del difensore è stata l’unico neo della sfida contro il Carpi, un errore da non ripetere in un momento della stagione nella quale i dettagli faranno la differenza.

I dettagli faranno la differenza anche nella corsa salvezza del Foggia. Dallo scontro diretto di Venezia i satanelli sono tornati a mani vuote e con il rammarico di aver giocato una buona gara. L’imprecisione sotto porta è costata caro ai ragazzi di Grassadonia ora distanti 4 lunghezze dalla salvezza diretta. Per puntare alla permanenza senza passare per gli spareggi e per garantirsi almeno la possibilità di giocarli Mazzeo e compagni dovranno essere più concreti e dovranno farlo già a partire dalla gara contro il Livorno. L’incrocio dello “Zaccheria” con i labronici anch’essi bloccati a quota 30 punti rappresenterà l’ennisimo bivio salvezza: questa volta però a differenza di quanto avvenuto a Venezia, bisognerà imboccare la strada giusta.

PUGLIA – Canale 14
BASILICATA – Canale 13

Segui il tg in diretta da casa alle ore
14.30 – 19.30 – 22.30

Altre Notizie - SERIE B