Un cammino di fede, vissuto tra dolore e sofferenze. Un breve ma intenso sacerdozio durato 74 giorni.

Con la santa messa presieduta da mons. Giuseppe Favale, vescovo di Conversano-Monopoli, è stato ricordato a Barletta, nella parrocchia del SS. Crocifisso, don Salvatore Mellone (divenuto prete, quando ormai era in fin di vita a causa di un tumore all’esofago). Era il 29 giugno del 2015 quando il giovane 38enne morì, non prima però di esprimere il desiderio di essere ordinato sacerdote in anticipo rispetto alla naturale conclusione dell’ iter formativo in Seminario. E per lui la Chiesa fece un’eccezione.

E oggi, in occasione dell’anniversario della sua morte, il suo ricordo e la sua testimonianza di fede sono ancora vivi.

Gli insegnamenti e la vita di Don Salvatore Mellone, un modello e un esempio per i giovani.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.