ecomafie

Preoccupanti i dati sulle ecomafie. Nel 2018, il ciclo illegale del cemento e dei rifiuti, la filiera agroalimentare e il racket degli animali rimangono i settori prediletti degli ecocriminali. Scendono a 28 mila i reati contro l’ambiente accertati lo scorso anno, soprattutto a causa della netta flessione degli incendi boschivi e dei furti di beni culturali. Diminuiscono, inoltre, le persone denunciate. Diminuiscono anche quelle arrestate e i sequestri effettuati. L’aggressione alle risorse ambientali del Paese si traduce in un grosso giro d’affari. Giro d’affari che, nel 2018, ha fruttato all’ecomafia ben 16,6 miliardi di euro. Due e mezzo in più rispetto all’anno precedente.

Sono questi in sintesi i dati nazionali che emergono dal Rapporto Ecomafia 2019, il report annuale sulle illegalità ambientali di Legambiente.

I dati pugliesi sulle ecomafie sono stati illustrati a Bari da Francesco Tarantini, Presidente di Legambiente Puglia, alla presenza di Giuseppe Volpe, Procuratore della Repubblica di Bari, Renato Nitti, procuratore della DDA, del Genenerale dei Carabinieri Alfonso Manzo, e del Generale della Forestale Danilo Mostacchi.

Nel Rapporto Ecomafia 2019 la Puglia è nuovamente al terzo posto nella classifica nazionale dell’illegalità ambientale con circa tre mila infrazioni accertate. L’abusivismo edilizio, i reati legati al ciclo dei rifiuti e quelli contro la fauna non accennano a diminuire.

La nostra regione continua ad essere martoriata dalle discariche abusive, dagli abbandoni e dalla combustione illecita dei rifiuti. Gli abbattimenti delle costruzioni abusive continuano a essere sporadiche: solo il 16,3% delle ordinanze di demolizione emesse sono state eseguite.

I numeri pugliesi di Ecomafia 2019 sono il frutto del capillare lavoro di controllo del territorio e di contrasto alle illegalità ambientali svolto in tutta la regione dalle Forze dell’Ordine e dalla magistratura che, ormai da quattro anni, possono contare sulla legge sugli ecoreati contro chi pensa di lucrare a danno della salute dei cittadini e del territorio.

Serve una legge sugli ecoreati e una che semplifichi l’iter di abbattimento delle costruzioni abusive. Servono, inoltre, norme che prevedano i delitti contro flora e fauna protette, pene più severe contro le archeomafie le agromafie e, per i controlli, occorre dare gambe forti alle Agenzie regionali di protezione ambientale.

Ha dichiarato Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia.

Teleregione

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.