SALVINI

A prometterlo il ministro dell’Interno Matteo Salvini a margine della festa della Lega sulla spiaggia di Mola di Bari.

Non sono mancati in questo periodo diversi fatti di sangue sia nella provincia di Foggia – dove è prevista l’apertura della Direzione Investigativa Antimafia -, che nella Bat, specie ad Andria – dove ci sono stati un paio di omicidi negli ultimi due mesi e dove si attende l’apertura della Questura. Simil sorte anche per diverse città del barese dove, seppur non stanno fumando le pistole, non mancano le organizzazioni dedite allo spaccio di droga, ai furti d’auto. C’è chi, poi, come il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, ancora attende un vertice per la sicurezza pubblica che riporti un presidio fisso emergenziale nella sua città. Il vicepremier, però, sembra abbia pensato a tutto.

“Ci sarà un piano di riordino delle questure in tutta Italia anche a cui stiamo lavorando e qui sto ancora lavorando perché faccio il ministro anche anche in queste ore c’è un piano di assunzione da qui ad aprile 2020 che confermo che porterà 8000 donne uomini in divisa sulle strade italiane”

Nel riordino delle Questure, appunto, c’è proprio quella di Andria – finanziata già per il terzo lotto – che si aprirebbe dopo quella di Fermo e Monza. Un’apertura necessaria che consentirebbe anche il passaggio da II a I livello anche di alcuni commissariati, proprio nella provincia di Bari e tra i più suffragati ci sarebbe proprio quello bitontino che aumenterebbe almeno di dieci unità gli agenti. Intanto i reati, numeri alla mano, pare siano diminuiti.

“Non mi sembra fatto disastri anzi mi sembra che i numeri ci stanno dando ragione i delitti sono diminuiti nei primi cinque mesi dell’anno grazie alle forze dell’ordine che stiamo assumendo in quantità del 10% sono migliaia migliaia di furti in meno la pena in meno stupri in meno sbarchi in meno sprechi in meno non mi ritengo pericoloso sicuramente sono pericoloso per qualcuno che si arricchiva sull’immigrazione clandestina questo sì”

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.