D'INTRONO

“Non mi dimetto. La crisi c’è ed è evidente ma è possibile risolverla insieme”. È il messaggio che il Sindaco di Corato, Pasquale D’Introno ha voluto far recapitare a tutte le forze presenti in Consiglio comunale. Un appello all’unità e alla compattezza che è stato lanciato nel corso di una conferenza stampa celebrata a Palazzo di Città e convocata d’urgenza. Non c’è stato così il passo indietro da parte del primo cittadino, in presenza di una frattura, con la maggioranza, quasi insanabile: sono otto i consigli comunali “andati a vuoto” (con la mancata elezione del presidente dell’assemblea e dell’organo del collegio dei revisori dei conti). Allo stesso tempo è arrivata la diffida della Prefettura di Bari a causa della mancata approvazione dell’assestamento di bilancio.

Entro così 20 giorni (a partire dal momento in cui tutti i consiglieri hanno ricevuto la nota), se non dovessero essere “ratificate” le variazioni, si dovrà procederà con lo scioglimento del consiglio comunale e in città tornerà il commissario prefettizio.

Ma il Sindaco D’Introno è fiducioso di come la crisi si possa risolvere.

Nei giorni scorsi è circolata anche una voce secondo la quale Direzione Italia starebbe raccogliendo firme per le dimissioni di 13 consiglieri. Una posizione che, se adottata, determinerebbe la caduta dell’amministrazione.

 

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.