centri massaggi

A Barletta come in altre sette città d’Italia. Risultavano sulla carta dei centri massaggi ma in realtà all’interno delle strutture circa 50 ragazze, tra i 20 e i 30 anni, erano sfruttate sessualmente. Gli agenti della Squadra mobile di Ancona, coordinati dalla Procura hanno smascherato una coppia, arrestata per favoreggiamento e induzione alla prostituzione.

L’uomo, un 40enne di origini pugliesi, è finito in carcere. Sua moglie è ai domiciliari. Sequestrati in totale nove immobili che ospitavano i centri massaggi: uno di questi è presente a Barletta.

Dalle immagini delle telecamere, posizionate dalla polizia, si vede così un cliente nudo, il materasso a terra usato per farlo sdraiare e la ragazza. Il massaggio, secondo gli investigatori, durava circa un’ora e il cliente pagava in anticipo 100 euro (dei quali 40 erano destinati alla ragazza e 60 ai gestori).

Inoltre, così come accertato nel corso delle indagini, negli annunci per procurarsi la clientela, si garantiva “massima serietà e personale altamente qualificato”.

“Le ragazze venivano reclutate tramite annunci di lavoro – ha spiegato il vice questore Carlo Pinto, dirigente della Mobile di Ancona durante una conferenza stampa in Questura – con assunzioni a tempo indeterminato, perlopiù come segretarie. Ma poi venivano addestrate a fare i massaggi. La selezione veniva fatta dall’arrestato”.

L’attività avrebbe fruttato ai coniugi circa 30mila euro al mese, nei nove centri massaggi gestiti.

Il servizio di TrNews.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.