Villa Artemisia. Da residenza del boss a bistrot - TELEREGIONE
Connetti con il social

BARI

Villa Artemisia. Da residenza del boss a bistrot

Nuova vita per villa “Artemisia”, la residenza del boss messinese Antonello Lazzarotto, alle porte del Municipio di Santo Spirito, a Bari.

Nel menù del bistrot ci sono l’apertivo cose nostre, le orecchiette colluse e i pizzini di pesce. Mentre le stanze del bed&breakfast richiamano gli articoli 3, 24 e  27 della Costituzione. È la nuova vita di villa “Artemisia”, la residenza del boss messinese Antonello Lazzarotto alle porte del Municipio di Santo Spirito, a Bari, inaugurata ieri alla presenza del Ministro Luciana Lamorgese e di diverse autorità.

Un bene confiscato alla mafia nel lontano 2001 e che ha ospitato, fino al 2011, donne in grave stato di emarginazione, nonché tossicodipendenti, ora grazie alla Cooperativa Caps – e al sostegno del Comune di Bari, della Regione Puglia, di Fondazione con il Sud e Ikea, sperimenta un nuovo modello innovativo di vita. Alcuni dipendenti dell’attività – ragazzi dai 18 ai 21 anni, – saranno mandati lì dall’assessorato al Welfare e avranno la possibilità di una nuova vita.

Il servizio di TrNews.

PUGLIA – Canale 14
BASILICATA – Canale 13

Segui il tg in diretta da casa alle ore
14.30 – 19.30 – 22.30

Altre Notizie - BARI