Le "Sardine" arrivano nelle piazze pugliesi - TELEREGIONE
Connetti con il social

BARI

Le “Sardine” arrivano nelle piazze pugliesi

“Non siamo un movimento”, ma “una spinta dal basso che sta emergendo”. Si definiscono così le Sardine che sabato scorso sono arrivate anche a Bari e Foggia.

“Non siamo un movimento”, ma “una spinta dal basso che sta emergendo”. Si definiscono così le Sardine che sabato scorso sono arrivate anche a Bari e Foggia, dopo un timido ingresso – della scorsa settimana – a Taranto. Nel capoluogo oltre tremila persone hanno occupato piazza Libertà, davanti alla Prefettura, per gridare che “la Puglia non si Lega”.

Gli omaggi sono stati dedicati a Benedetto Petrone, il 18enne barese ucciso 42 anni fa proprio in piazza Prefettura da una squadra fascista, e poi al pestaggio dello scorso settembre 2018 nel quartiere Libertà – dove furono aggrediti alcuni giovani – ad opera di alcuni affiliati di Casapound. I quattro organizzatori baresi Francesca, Camilla, Chiara e Davide, hanno messo al centro del piccolo comizio temi come il “lavoro, l’integrazione, l’immigrazione”. Discorsi che hanno fatto breccia tra i tanti accorsi – giovani e famiglie – tutti muniti di cartoncini a forma di sardine.

A Foggia (in piazza Umberto Giordano) sono stati, invece, poco più di 300 i manifestanti che hanno aderito all’appello delle Sardine. Tanti i giovani a cui si sono mescolati militanti storici della sinistra di Capitanata. “La battaglia è contro l’odio instillato dal leader della Lega, Matteo Salvini”, hanno detto dai palchi. “La Lega – aggiungono – attecchisce dove il livello culturale è molto basso, manifestiamo per non perdere l’umanità”.  A salutare tutti al termine, in ogni piazza, l’inno del movimento, Bella ciao, che tutti hanno cantato in un coro che li ha ulteriormente uniti.

Il servizio di TrNews.

PUGLIA – Canale 14
BASILICATA – Canale 13

Segui il tg in diretta da casa alle ore
14.30 – 19.30 – 22.30

Altre Notizie - BARI