squadra mobile

Sono stati catturati dalla Squadra Mobile di Foggia altri due evasi che si erano dati alla fuga dal carcere del capoluogo dauno il 9 marzo scorso, durante la protesta che si concluse con l’evasione di 72 detenuti.

Oltre ai due evasi – Francesco Scirpoli e Angelo Bonsanto – i poliziotti hanno arrestato una terza persona, Pietro La Torre, latitante da un anno.

La cattura dei tre pericolosi criminali è avvenuta ieri pomeriggio in un casolare all’interno di una cava di Apricena, nel foggiano, dove gli investigatori hanno rinvenuto anche radio ricetrasmittenti, telefonini, diverso denaro contante e scorte di viveri.

L’attività investigativa è stata coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari. Scirpoli, La Torre e Bonsanto sono ritenuti elementi apicali dell’organizzazione mafiosa “Lombardi-Ricucci-La Torre”, contigua al clan mafioso dei Romito che è contrapposto a quello dei Li Bergolis in una faida che insanguina il Gargano.

Durante l’operazione è stato arrestato anche il proprietario del covo nel quale sono stati scoperti i tre malviventi: si tratta di un uomo di 55 anni originario di San Marco in Lamis, il quale dovrà rispondere di favoreggiamento personale e procurata inosservanza di pena con l’aggravante mafiosa.

Ora l’attenzione degli investigatori è rivolta a scoprire tutti i loro movimenti precedenti per arrivare alla rete di fiancheggiatori che li hanno coperti ed agevolati nel sottrarsi alla cattura.

 

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.