ghirelli

Da una parte Francesco Ghirelli ad elogiare il senso di responsabilità dei club, dall’altra Luigi De Laurentiis e i calciatori del Bari, tutt’altro che soddisfatti per le decisioni prese. Dall’Assemblea di Lega di Serie C è emersa la proposta da sottoporre al Consiglio Federale. Una proposta non del tutto chiara, soprattutto per la quarta promozione in Serie B.

Date ormai per promosse le capoliste dei tre gironi, tiene banco il criterio del merito sportivo per l’ultimo salto di categoria. Il Bari è la miglior seconda della Serie C, ma rischia di cedere il passo al Carpi, terzo nel girone B ma con un miglior rapporto tra match giocati e punti ottenuti. De Laurentiis non ci sta, non c’è mai stato fin dall’inizio: il patron biancorosso ha espresso il suo disappunto subito dopo l’Assemblea.

“Il criterio della media punti è inaccettabile – spiega il presidente in una nota – si potrebbe prendere in considerazione solo se tutte le squadre avessero giocato lo stesso numero di partite. Sono sicuro che il Consiglio Federale non prenderà in considerazione questa opzione. In caso contrario ci faremo valere in tutte le sedi opportune”.

Il sostegno è arrivato anche dai calciatori biancorossi, con Antenucci e Frattali in testa, che hanno postato su Instagram la parola “rispetto”. Ai tesserati si sono ovviamente aggiunti i tifosi del Bari, che hanno appoggiato fin da subito la battaglia di società e calciatori.

In Assemblea si sono registrati 23 voti per il criterio del merito sportivo attraverso la media punti, 16 voti a favore dei playoff nel rispetto dei protocolli e 21 astenuti. Ghirelli, presidente della Lega Pro, si è detto soddisfatto: “C’è stata una grande dimostrazione di responsabilità da parte dei club di Serie C, abbiamo scritto una bellissima pagina per la nostra categoria”. A Bari, sicuramente, non saranno d’accordo. L’ultima parola spetta adesso al Consiglio Federale.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.