Perquisizioni e sequestri, presunto inquinamento da metalli della falda acquifera e dei pozzi del cantiere san basilio.

Tre le persone indagate.

Questo il risultato al momento  dell’inchiesta condotta dalla procura di lecce…

ebbene i carabinieri del nucleo operativo del capoluogo salentino insieme con i colleghi dello stesso nucleo di roma e milano, unitamente al comando provinciale della citta’ pugliese hanno perquisito ed effettuato sequestri nelle sedi legali, operative, uffici e cantieri della tap tra melendugno dove e’ previsto l’approdo del gasdotto proveniente dall’azerbaigian, roma e lecce.

Controlli a tappeto anche a villafranca padovana presso la sede del lavoratorio di analisi utilizzato dalla multinazionale per le indagini ambientali sui vari cantieri e sulle acque.

Per l’effetto: due le ordinanze del sindaco di melendugno marco poti’ che vietano l’emungimento delle acque ed i lavori…il cantiere di san basilio percio’ bloccato.

L’ipotesi al vaglio e’ che i lavori abbiano provocato l’aumento della concentrazione di alcuni metalli nelle acque tra cui il cromo esavalente.

Un’attivita’ meticolosa quella messa in campo.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.