Erano più di 3500 tra studenti, scout e volontari, i ragazzi che hanno sfilato per le strade di Brindisi dal Tribunale, fino a piazza Santa Teresa dove sono stati letti i nomi di tutte le vittime di mafia e per la prima volta anche dei braccianti morti per il caporalato in Puglia.

Una marcia, poco partecipata dagli amministratori locali – appena una decina – preparata dalle scuole cittadine e regionali già da dicembre assieme a Libera che si fa sempre più vicina ai cittadini con il suo impegno.

Al fianco di Libera anche la CGIL.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.