Turni di lavoro definiti massacranti, stipendi che vengono pagati ogni 40 giorni, forma contrattuale arenata a nove anni fa.  Per tutte queste ragioni, sono scesi in piazza, i dodici lavoratori impiegati presso il Consorzio delle Guardie rurali di Trani. Hanno dato così voce a tutto il loro malcontento,  nell’ambito della manifestazione di protesta organizzata a Barletta, davanti al Palazzo della Prefettura.

Lo sciopero generale del settore privato delle guardie campestri della città di Trani è stato indetto dal coordinamento sindacale penitenziario. Con l’obiettivo di instaurare un dialogo con l’azienda, affinchè riveda le forme contrattuali dei dipendenti.

Ci sono stati tagli del 50% delle unità lavorative e ora le guardie campestri di Trani si ritrovano a vigilare, in pochi, su di un territorio molto vasto.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.