disabile

Pestato a sangue solo per aver difeso il fratello disabile a cui, lo scorso 2 agosto, due malviventi avevano rubato lo smartphone.

È la sorte toccata al giovane Giuseppe, ragazzo di Cerignola, finito in ospedale con diverse lesioni e traumi al volto dopo il violento pestaggio. La Polizia, questa mattina, ha arrestato Michele Lorusso,19enne canosino incensurato – ma appartenente ad una famiglia di pregiudicati del posto -, ritenuto tra i presunti responsabili della violenta aggressione avvenuta nell’area Luna Park (nei pressi delle macchine da scontro) allestita per la festa patronale di Canosa a cui i giovani fratelli avevano partecipato.

Quella sera, dopo aver subito il furto di un iphoneX – con applicazioni specifiche per sordomuti – il giovane Giuseppe per difendere il fratello disabile, corre a recuperare il cellulare senza sapere a cosa stava andando incontro: Lorusso arrestato oggi – che è stato anche campione di pugilato nelle categorie under 18 – avrebbe preso a botte il coetaneo davanti alla guardia giurata lì presente.

Di lì si è creato un capannello di una decina di ragazzi e solo l’intervento della volante della Polizia ha scongiurato il peggio, mettendoli in fuga.

Grazie agli interrogatori, alla ricostruzione di quegli attimi drammatici e concitati e al riconoscimento fotografico si è riusciti ad individuare uno dei due presunti responsabili: Lorusso, ora ai domiciliari, è accusato di tentata rapina impropria e lesioni aggravate. Gli agenti del commissariato, guidati dal dirigente Raffaele Fiantanese, stanno cercando l’altro complice che avrebbe dato il via al pestaggio.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.