Vendetta per il padre: arrestati i figli del boss - TELEREGIONE
Connetti con il social

ANDRIA

Vendetta per il padre: arrestati i figli del boss

Avevano preparato una vera e propria spedizione punitiva contro alcuni rivali della criminalità organizzata andriese per vendicare la morte del padre, Vito Capogna. Nella disponibilità di Pietro e Valerio Capogna c’erano armi da guerra e persino un kalashnikov

Volevano vendicare la morte del padre, Vito Capogna, assassinato ad Andria il 25 luglio scorso, ma le attività investigative dei Carabinieri, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia, hanno bloccato sul nascere – con una misura cautelare, aggravata dall’utilizzo del metodo mafioso – l’attività dei fratelli Pietro Capogna, 43enne, già detenuto nel carcere di Teramo, e del 27enne Valerio Capogna.

Le indagini, fatte di intercettazioni e pedinamenti, hanno accertato che i fratelli Capogna volevano vendicare la morte del padre e la preparazione all’azione violenta era già in fase avanzata: avevano preparato già diverse armi da guerra, tra i quali un kalashnikov, e avevano individuato i bersagli in alcuni storici esponenti della criminalità organizzata andriese.

L’omicidio di Vito Capogna di luglio, seguì di qualche giorno quello di Vito Griner avvenuto a giugno scorso. Non è ancora chiaro, nel quadro investigativo, se il botta e risposta sia tra i due clan Capogna – Griner (un tempo vicini) o ci sia una vera guerra in atto con il clan Pistillo – Pesce che potrebbe voler far piazza pulita per il controllo del mercato della droga in tutta Andria.

L’azione criminale dei due figli di Capogna, in tal caso, sarebbe servita per consolidare il sodalizio criminale di appartenenza e consolidare la propria potenza sul territorio, anche con la disponibilità delle armi.

PUGLIA – Canale 14
BASILICATA – Canale 13

Segui il tg in diretta da casa alle ore
14.30 – 19.30 – 22.30

Altre Notizie - ANDRIA