riapertura

La riapertura è prevista per l’1 giugno, molto probabilmente in Puglia sarà anticipata al 18 maggio ma al momento per i ristoratori la strada sembra assolutamente in salita.

I protocolli di sicurezza necessari alle riaperture non sono stati ufficializzati ma quanto emerge dalle linee guida redatte da INAIL e Istituto superiore della sanità lascia perplessi i ristoratori. Per INAIL ed ISS ad ogni cliente dovranno essere destinati almeno 4 metri, raddoppiando così la capienza dei locali. Dovrà essere inoltre garantito un distanziamento sociale cospicuo anche per i camerieri e reso obbligatorio l’accesso su prenotazione. Poter effettivamente rispettare queste norme, spiega il presidente dell’associazione pubblici esercizi di Barletta Antonio Quarto, appare al momento davvero arduo.

Le proposte dell’APE finalizzate a rendere sostenibili le prescrizioni sono improntante al dialogo con le amministrazioni comunali.

Qualora le linee guida non dovessero variare è concreto il rischio di mancate riaperture.

Dopo la consegna delle chiavi dei locali al sindaco Cannito avvenuta nei giorni scorsi non sono escluse nuove mobilitazioni anche su scala regionale.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.