La Corte di assise di Foggia ha accolto la richiesta di costituzione di parte civile presentata dalla Regione Puglia nel processo per il femminicidio di Federica Ventura, la giovane madre uccisa dal marito, Fernando Carella, il 16 febbraio scorso a Troia. Insieme alla Regione, a fianco della famiglia di Federica, anche i centri antiviolenza Telefono Donna di Foggia, e Giulia e Rossella di Barletta.
“La decisione di costituirsi parte civile in un processo per femminicidio – ha detto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano – ha una forte valenza simbolica perché afferma, anche nelle aule dei tribunali, che la violenza sulle donne non è mai una questione privata ma costituisce una profonda ferita per la società tutta, e che è responsabilità di tutti e di ciascuno adoperasi per contrastarla, a cominciare dalla pubbliche istituzioni”. Emiliano ha sottolineato come “le donne in Italia continuino ad essere uccise, stuprate e molestate. E troppi sono i figli testimoni di tanta violenza e crudeltà”.
Proprio in queste settimane, insieme al finanziamento dei nuovi Programmi antiviolenza per la realizzazione di interventi su tutto il territorio regionale a favore delle donne vittime di violenza, la Regione Puglia ha adottato il Piano di interventi 2018-2020 per l’attuazione delle Linee guida regionali in materia di maltrattamento e violenza nei confronti delle persone minori per età che, tra le diverse azioni, prevede interventi di sostegno dei minorenni vittime di violenza, diretta o indiretta, con particolare riferimento alla condizione delle orfane e degli orfani di femminicidio, e attività di formazione di base e specialistica per qualificare l’azione degli operatori impegnati nei servizi di prevenzione e contrasto della violenza e del maltrattamento in danno dei minori e delle donne, ad integrazione di quanto già realizzato in questi ultimi anni.
La Regione Puglia, per la prima volta, si era costituita parte civile nel processo per femminicidio istruito a Bari, relativo alla morte della ventinovenne italo-brasiliana Bruna Bovino uccisa il 12 dicembre del 2013 a Mola di Bari.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.