Si parte dall’1-0 Lucchese del “Porta Elisa”, per restare in serie C il Bisceglie dovrà rendersi protagonista di un’altra rimonta come quella contro la Paganese nel play-out interno del girone C. Sabato sera al “Ventura” nel ritorno della finale play-out nazionale i neroazzurrostellati avranno un appuntamento con la salvezza, un appuntamento da non mancare per evitare di salutare il professionismo.

Per la squadra del tecnico Vanoli superare i rossoneri toscani guidati dall’ex Favarin sarà impresa difficile ma non impossibile. L’andamento di Sorrentino e compagni lontano dalle mura amiche è assolutamente inferiore a quello casalingo ed a dimostrarlo ci sono le sole 3 vittorie esterne stagionali cui però va aggiunta quella pesantissima sul campo del Cuneo nel ritorno del play-out interno del girone A. Alla fragilità esterna della Lucchese fa da contraltare l’incisività interna di un Bisceglie vittorioso per 4-3 su Cavese e Paganese nelle ultime due uscite al “Ventura”. Per l’appuntamento con la salvezza, da raggiungere vincendo con 2 gol di scarto o in estrema ipotesi passando da supplementari e rigori in caso di risultato analogo a quello dell’andata i neroazzurrostellati dovranno ripartire dal buon atteggiamento mostrato a Lucca soprattuto nella prima frazione giocando però con raziocino. A sostenere Markic e compagni ci sarà un pubblico pronto a mettere alle spalle i dissapori con la proprietà ed a spingere la squadra ad una salvezza che rappresenterebbe un epilogo forse insperato viste tutte le vicissitudini che hanno caratterizzato questa travagliata stagione.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.