GOVERNO

“Il Governo ha accettato la richiesta delle Regioni di consentire, a partire dal 18 maggio, la riapertura delle attività economiche lasciando a ciascuna regione, in funzione dell’effettivo pericolo epidemiologico, la decisione in margine ai tempi e alle specifiche modalità di esecuzione delle attività”: lo ha confermato il governatore pugliese Michele Emiliano, al termine dell’incontro Governo – Regioni.

“Durante la fase che inizierà il 18 maggio, il Governo detterà le linee generali e i parametri di pericolosità dell’epidemia ai quali bisognerà attenersi.

Mi auguro – aggiunge il presidente Emiliano – che detti anche il potenziale numero di tamponi che ciascuna regione deve poter fare, perché bisognerà acquistare macchinari e reagenti per milioni di euro, e sarebbe opportuno non mettere in concorrenza le singole regioni in un mercato scarso di forniture”, precisando che “gli acquisti dovranno essere sostenuti dallo Stato”.

“Inoltre occorrerà, ribadisce il governatore – consentire a ciascuno di noi, in funzione del parametro di effettiva pericolosità, di stabilire i tempi e le modalità con i sindaci che non possono essere tenuti fuori”. Non mancano, poi, i riferimenti anche alla situazione del turismo: “Vedere le strutture pugliesi ferme mi spezza il cuore– dice ancora Emiliano – . Abbiamo 900 chilometri di costa, migliaia tra bed and breakckfast, agriturismi, masserie e alberghi, che possono consentire una stagione turistica che potrebbe non rompere la voglia di questi imprenditori di andare avanti”.

Di Redazione Teleregione

Per scrivere alla redazione di Teleregione inviate mail all'indirizzo redazione@teleregionecolor.com oppure chiamate 0883 52 00 00.